Instagram marketing


Instagram marketing

 

I Social network sono strumenti divenuti ormai imprescindibili per raggiungere efficacemente i consumatori online.

Tra queste piattaforme di interazione e condivisione di informazioni e materiale multimediale, ve ne sono alcune che, più di altre, possono essere più adatte per lo sviluppo del proprio business.

Instagram, Facebook e LinkedIn sono i Social network più utilizzati al mondo e, quindi, con maggiore potenziale al loro interno.

È possibile immaginarseli come dei grandi contenitori sociali, dove si instaurano relazioni, si formano opinioni e che possono consentire di effettuare acquisti di beni e di servizi.

Insomma, i Social network hanno ormai pervaso prepotentemente ogni aspetto della nostra vita, business compreso.

I Social media su cui vale maggiormente la pena soffermarsi per gli aspetti citati sono:

. Instagram che ha raggiunto i 700 milioni di utenti attivi ad aprile 2017;

. Facebook che conta circa 2,2 miliardi di utenti attivi;

. LinkedIn che ha raggiunto i 500 milioni di utenti attivi ad aprile 2018.

Nel presente articolo, ci si concentrerà proprio sul primo: la crescita registrata da Instagram è stata davvero esponenziale. La piattaforma nata nel 2010 è stata acquistata successivamente da Mark Zuckerberg, a sua volta fondatore di Facebook.

Dalla sinergia tra Instagram e Facebook, nasce così la più grande scatola sociale online mai esistita. Anche se l’età media degli utilizzatori dei due social è differente (molto più bassa per Instagram) rimangono insieme a LinkedIn i canali su cui le imprese focalizzano la loro attenzione e che cercano di presidiare nel migliore dei modi per obiettivi di business.

 

Social media marketing Instagram

Instagram è il Social Network basato principalmente sulla condivisione di contenuti basati su foto, video tendenzialmente brevi e hashtag in rete da parte degli utenti registrati.

Operare con attività di Social media marketing e di Viral Marketing su Instagram significa pianificare, gestire e monitorare una strategia di marketing ben studiata in precedenza, che si basi sulla condivisione di foto e video.

Innanzitutto, occorre avere ben chiaro l’obiettivo che si vorrebbe perseguire, i motivi per i quali si utilizza Instagram, il fine ultimo della strategia.

In un secondo momento, è necessario capire chi si vorrebbe raggiungere, quali caratteristiche ha il target di riferimento e se queste caratteristiche sono già state già profilate dal Social network.

Ad esempio: se il cliente tipo da raggiungere attraverso le foto o immagini aziendali è donna, dai 18 ai 35 anni, con passione per la moda, con livello di istruzione medio-alto e capacità di spesa elevata, sicuramente tutti gli utenti con questi tratti caratteristici saranno già stati profilati – ovvero selezionati e raggruppati – dal Social Network di riferimento e, pertanto, facilmente raggiungibili attraverso una campagna di marketing. Su Instagram, attraverso i post a pagamento, si è matematicamente certi che l’utente con queste caratteristiche potrà visualizzare l’immagine o il video progettati per quel lui/lei.

Infine, dopo aver compreso l’obiettivo e il target a cui indirizzare questa comunicazione, è necessario studiare come elaborare i contenuti da inserire sul Social Network. In particolare, si parla in questo caso di content management system ovvero il tool che, dopo la registrazione, consente di gestire i contenuti delle campagne di marketing. Quest’ultimo passaggio sarà conseguente ai primi due. Difatti, il contenuto da veicolare dovrà essere necessariamente adeguato all’obiettivo da raggiungere e al target di riferimento.

Oltre al target, altri aspetti a cui bisogna prestare attenzione è ad esempio il tono che si utilizza nella comunicazione, le scelte linguistiche che si adottano, i colori e i font del testo.

Il titolo del post è molto importante: deve costituire il complemento ideale della foto o del video del caso, che può essere accompagnato dagli hastag, ovvero le etichette testuali precedute dal simbolo cancelletto che consentono ai post di essere oggetto di ricerca tematica.

Facciamo un esempio pratico: supponiamo che la nostra azienda che intende sfruttare Instagram per fare Social media marketing sia una pizzeria nel centro di Roma. Abbiamo deciso che il nostro obiettivo è quello di aumentare del 10% le presenze in sala il lunedì, serata normalmente con poca clientela. Il nostro target, date le caratteristiche della pizzeria e il luogo particolarmente affascinante e romantico in cui si trova, sono le coppie attualmente presenti a Roma, amanti della pizza. Decidiamo per questo di creare un’immagine molto accattivante che sponsorizzi la nostra pizzeria e, contemporaneamente, facciamo partire una promozione che può essere legata alla scontistica, piuttosto che ad un regalo o a qualsiasi altro premio che incentivi a provare la pizzeria.

Non a caso è stato fatto l’esempio di una pizzeria. È assodato che Instagram è particolarmente efficiente nelle conversioni, ovvero nel tramutare un potenziale consumatore in cliente effettivo, quando il bene in oggetto rientri nei settori del food, del luxury o del fashion. La motivazione è semplice: essendo principalmente basato sulla forza comunicativa delle immagini, delle foto e dei video, queste tre aree merceologiche sono tra le più fotogeniche e belle da immortalare o riprendere e, quindi, le più performanti.

Affiliate marketing Instagram

A patto di avere una strategia ben delineata, per un’azienda può essere relativamente facile da un punto di vista pratico promuovere i propri prodotti o servizi attraverso Instagram.

Nello stesso tempo, Instagram può essere un ottimo strumento per fare dell’Affiliate marketing.

Chi pratica Affiliate marketing sui Social media può consentire una maggiore visibilità ai prodotti dell’azienda, guadagnando o dalle piattaforme di intermediazione o dalla stessa azienda che ne chiede la sponsorizzazione.

Sono infatti famosissimi gli scatti d’autore, che sembrano essere rubati ai grandi influencer, in cui appaiono prodotti di qualsiasi natura e genere. Dall’auto super sportiva, alle t-shirt, all’arredamento, ai gioielli; si sponsorizza davvero di tutto e i guadagni possono essere anche elevati. All’aumentare del numero di followers aumenta il prezzo che l’influencer richiede all’intermediario o all’impresa stessa per sponsorizzare il suo prodotto.

Nel caso di Instagram, la sponsorizzazione altro non è che una fotografia ben fatta in cui compare il prodotto da promuovere. Si tratta quindi della classica pubblicità che ha assunto forme e valori differenti di condivisione.

 

Instagram marketing specialist

Sono sempre più numerose le aziende che ricercano la figura professionale di Instagram marketing specialist e la job description dovrebbe avere più o meno le seguenti caratteristiche:

. laurea o titolo di studio equivalente in marketing, comunicazione, digital media o similari;

. ottima conoscenza di Instagram e degli algoritmi sottostanti;

. ottime capacità di utilizzo di applicazioni grafiche professionali;

. ottime capacità comunicative e di team working;

. abilità di video making.

Questa figura professionale si occupa in genere del coordinamento del team di lavoro che gestisce la comunicazione su Instagram, laddove questo Social media venga ritenuto strategico per il marketing di un’azienda, oppure della gestione diretta dei profili Instagram dell’azienda.

Per ricoprire efficacemente questo ruolo, è indispensabile possedere una conoscenza a livello avanzato dello stesso Social network e non solo come semplice utente.

A questo proposito, sul blog ufficiale di Instagram è possibile trovare le ultime novità per rimanere sempre aggiornati sugli sviluppi più recenti.

 

Instagram marketing case study

Tra i top brand presenti ufficialmente su Instagram che hanno il numero più alto di followers e la maggiore interazione con gli utenti, appare immediatamente National Geographic.

Con i suoi 87,7 milioni di followers e gli oltre 17.000 post all’attivo, il brand online statunitense che tratta temi geografici, cartografici e di esplorazione ha una forza comunicativa difficilmente eguagliabile. In questo caso, lo strumento Instagram risulta particolarmente adatto per la tipologia di contenuti.

Instagram si basa infatti solo ed unicamente su contenuti grafici e National Geographic, grazie alle sue foto e video tanto spettacolari quanto estremi, passionali, carichi di colori e di natura, è riuscito a sfruttare il Social media fino a diventare uno dei più forti e influenti brand al mondo nel non solo nel suo settore ma anche rispetto a tante altre categorie di prodotti.

Sfruttare i propri punti di forza e condividere emozioni, più che semplici foto, è la chiave di successo della strategia social adottata da National Geographic.

A cura di Federico Longo